ultimo aggiornamento
lunedì, 23 novembre 2020 17:43

Intervista al consigliere Antonio D'Amato

 mercoledì, 5 agosto 2020

Print Friendly and PDF

da Il Dubbio

"Volevano limitare i gruppi? Bastava eleggere i togati con un sorteggio temperato"
 
 
Mi sembra che questa riforma non risolva i problemi che affliggono la magistratura.
Se, ad esempio, si voleva limitare il potere delle correnti, perché non è stato previsto un sorteggio ‘temperato’ per l’elezione dei componenti del Consiglio superiore?», si chiede Antonio D’Amato, procuratore aggiunto a Santa Maria Capua Vetere, da sempre impegnato nel contrasto alla criminalità organizzata e ai reati contro la Pa, attuale consigliere del Csm per Magistratura indipendente, la corrente moderata delle toghe.
 
La riforma proposta dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha previsto il sorteggio solo se non si raggiunge il numero minimo di candidature in ciascun collegio, cioè dieci, e se non sono garantite le 'quote rosa'.
Magistratura indipendente è la corrente che ha intrapreso, dopo i fatti dello scorso anno, un percorso di rinnovamento e discontinuità. E, quindi, siamo favorevoli anche al sorteggio ‘integrale’ per l’individuazione dei candidati.

Da realizzare in che modo?

Si può fare un interpello nazionale.. Leggi tutta l'intervista formato .pdf

 
 
 
 
 
 

© 2009 - 2020 Associazione Magistratura Indipendente
C.F.: 97076130588
Via Milazzo, 22 - CAP 00165 - Roma, Italia
segreteria@magistraturaindipendente.it

 
 

Magistratura Indipendente utilizza cookies tecnici e di profilazione. Alcuni cookies potrebbero già essere attivi. Leggi come poter gestire i ns. cookies: Privacy Policy.
Clicca il pulsante per accettare i ns. cookies. Continuando la navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.