Magistratura Indipendente
martedì, 16 luglio 2019 08:29
 

domenica, 07 luglio 2019
Print Friendly and PDF

Magistratura Indipendente, il cambiamento nella continuità dei valori

Magistratura Indipendente, all’esito dell’Assemblea del 5 e 6 luglio e dopo ampio e partecipato dibattito, ritiene unanimemente di riaffermare, con forza, i doveri imprescindibili del magistrato di osservare una rigorosa etica nell’esercizio delle funzioni e nello svolgimento di qualsiasi incarico istituzionale.
In particolare, con riferimento ai recenti eventi noti come il “caso Palamara”, afferma con convinzione la intollerabilità di qualsiasi interferenza impropria e al di fuori delle dinamiche ordinamentali, ove finalizzata ad orientare o condizionare le scelte del Consiglio Superiore.
Il richiamo ai valori statutari di affermazione dell’apoliticità e dell’indipendenza dell’Ordine giudiziario impone, rispetto a tali improprie forme di interlocuzione, prese di posizione severe e incondizionate.
Tali eventi pongono anche la necessità di interrogarsi profondamente sulla questione morale e culturale che ne è il substrato, ovvero sullo snaturamento dei gruppi associativi, nella misura in cui da luoghi di condivisione ed elaborazione culturale finiscono per diventare centri di gestione delle aspettative dei singoli e di risoluzione delle questioni personali.
Occorre conseguentemente ribadire la necessità di una rigorosa coerenza tra valori professati e prassi applicate da parte di tutti coloro che sono investiti di cariche istituzionali e dei singoli associati, nonché un ripensamento del sistema di espressione delle candidature per il C.S.M., orientato nel senso di ridimensionare il peso degli apparati di corrente nella fase di designazione e di valorizzare al massimo il percorso professionale e la competenza del candidato.
Per tali motivi Magistratura Indipendente ritiene necessaria ed ineludibile una chiara inversione di tendenza provvedendo in primo luogo ad un avvicendamento nelle cariche statutarie, al fine di favorire il più ampio contributo di sensibilità e di esperienze professionali e un netto rinnovamento, pur nella continuità degli alti valori da sempre perseguiti dal gruppo, nominando
SEGRETARIO GENERALE:
- Paola D’Ovidio, magistrato in servizio presso il Massimario della Cassazione
PRESIDENTE:
- Maria Grazia Arena, presidente Tribunale Reggio Calabria
VICESEGRETARI
- Eligio Paolini, Vittorio Corasaniti, Liana Esposito
VICEPRESIDENTI
- Adriana Blasco, Giulio Corsini, Marina Nuccio
SEGRETARIO ORGANIZZATIVO E TESORIERE
- Giuseppe Lucantonio
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE
- Iside Russo, presidente Corte Appello Salerno
VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE
- Annarita D’Onofrio
PROBIVIRI
- Angelo Piraino, Ettore Pedicini, Cesare Parodi
SEGRETARIO SINDACALE
- Edoardo Cilenti, fino a aprile 2020
RESPONSABILE DELL’UFFICIO STUDI
- Gianluca Grasso
RESPONSABILE COMUNICAZIONI
- Salvatore Casciaro

Magistratura Indipendente intende farsi interprete, per prima, dell’esigenza di preservare ogni singolo magistrato da qualsiasi influenza interna ed esterna, di garantirne la libertà di giudizio e di promuoverne il pieno sviluppo professionale nella assoluta indipendenza.
In tale prospettiva, invita gli attuali componenti del CDC a non candidarsi per le prossime elezioni suppletive del CSM e ritiene, altresì, utile e necessario farsi promotrice della convocazione in tempi brevi di un congresso straordinario per favorire un confronto ampio e approfondito sulle linee culturali e di condotta, in particolare affrontando i seguenti temi:
▪ripensamento del sistema di espressione delle candidature per il C.S.M.;
▪introduzione nello statuto di Magistratura Indipendente del divieto per i membri del C.D.C. di candidarsi immediatamente al C.S.M.;
▪rigorosa coerenza tra valori professati e prassi applicate da parte di tutti coloro che sono investiti di cariche istituzionali e dei singoli associati.
Nell’immediatezza auspica altresì, ritenendola assolutamente necessaria, la convocazione di un congresso nazionale straordinario dell’A.N.M. per discutere le iniziative comuni in vista di una rifondazione ideale e culturale dell’Associazione stessa nella piena adesione ai valori costituzionali che costituiscono un patrimonio culturale dell’intera Magistratura.
                                                                                                                                
                                                                                                                   Magistratura Indipendente
                                                                                                                     Il Presidente Maria Grazia Arena
                                                                                                                       Il Segretario Paola D’Ovidio

 
 
 
 
 
 
 

Magistratura Indipendente utilizza cookies tecnici e di profilazione . Alcuni cookies potrebbero già essere attivi . Leggi come poter gestire i ns. cookies: Privacy Policy.
Clicca il pulsante per accettare i ns. cookies. Continuando la navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.