ultimo aggiornamento
martedì, 31 gennaio 2023 1:27

Modifiche sull'abuso d'ufficio, il Presidente Buccini e il Seretario Piraino intervengono nel dibattito

 lunedì, 28 novembre 2022

Print Friendly and PDF

Paura Firma? Abuso d'ufficio, norma travagliata, tipizzare condotte illecite

"Il reato di abuso di ufficio è una delle norme più travagliate del nostro codice penale, a giudicare dal numero di modifiche cui è stata sottoposta. Le ultime sono state apportate nel 2020 e hanno già ridotto moltissimo il suo campo di applicazione, ma, nonostante ciò, gli amministratori locali manifestano ancora l'esigenza di una sua ulteriore modifica. Il fatto stesso che questo reato sia stato modificato così tante volte è un sintomo, forse, dell'esigenza di affrontare il problema in modo differente".

Così all'AdnKronos Stefano Buccini e Angelo Piraino, rispettivamente presidente e segretario di Magistratura indipendente, a proposito delle parole del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, all'assemblea dell'Anci ("Vi annuncio che modificheremo una serie di reati, a partire dell'abuso d'ufficio").

"Il reato di abuso d'ufficio, nella sua struttura originaria - sottolineano Buccini e Piraino -, intendeva sanzionare penalmente una vasta gamma di comportamenti illeciti dei pubblici amministratori, ma proprio per questo comportava un concreto rischio di sovrapposizione tra l'area della illegittimità amministrativa e quella della illiceità penale. Invece di ricorrere a norme di così ampio respiro, forse sarebbe opportuno individuare quei settori dell'attività amministrativa in cui si registra un maggior numero di condotte devianti, come quello dei concorsi pubblici, ad esempio, e concentrare in quei settori la repressione penale, formulando delle ipotesi di reato più specifiche, utilizzando, così, in modo più 'chirurgico' la repressione penale. E' l'impostazione che si è perseguita con l'introduzione dell'art. 353 bis del codice penale, inserito nel 2010, che si è dimostrata una norma molto efficace per sanzionare specifici ambiti di comportamenti illeciti nel settore degli appalti pubblici".

"La 'paura della firma' non deriva certamente dal timore di subire condanne, che sono ben poche con riferimento al reato di abuso d'ufficio - evidenziano Buccini e Piraino -, se il timore deriva, invece, dalle indagini, allora il problema può essere risolto con una maggiore tipizzazione delle condotte illecite. Lo strumento penale non deve essere utilizzato per eliminare illegittimità che dovrebbero essere affrontate e risolte con adeguati controlli interni all'amministrazione: è un po' come andare al pronto soccorso per curare l'influenza. In ogni caso l'attività legislativa non dovrebbe essere indirizzata a prevenire sentimenti soggettivi, come la paura, ma piuttosto a razionalizzare l'impiego dello strumento repressivo, che deve essere l'extrema ratio e deve essere preceduto da controlli amministrativi efficaci".

Quanto all'ipotesi che si intervenga anche su altri reati che riguardano i pubblici amministratori, Buccini e Piraino concludono: "Le scelte di politica criminale competono esclusivamente alla politica, e non intendiamo sindacarle. Da tecnici possiamo solo auspicare che le nuove norme possano porre rimedio alle difficoltà interpretative di quelle attuali, che creano disservizi anche nell'amministrazione della giustizia, non solo nella pubblica amministrazione".

 
 
 
 
 
 

© 2009 - 2023 Associazione Magistratura Indipendente
C.F.: 97076130588
Via Milazzo, 22 - CAP 00165 - Roma, Italia
segreteria@magistraturaindipendente.it

 
 

Magistratura Indipendente utilizza cookies tecnici e di profilazione. Alcuni cookies essenziali potrebbero già essere attivi. Leggi come poter gestire i ns. cookies: Privacy Policy.
Clicca il pulsante per accettare i ns. cookies. Continuando la navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies essenziali.