ultimo aggiornamento
sabato, 30 luglio 2022 19:20

Verità sulla morte di mio zio Borsellino

 domenica, 17 luglio 2022

Print Friendly and PDF

Intervista a Angelo Piraino - Giornale di Sicilia

Piraino: «Lo Stato si vergogni finché non emergerà la verità sulla morte di mio zio Borsellino»

 
 
«Se potessi dare libero sfogo a quel che dice il mio cuore direi che lo Stato, che ha mandato al macello uno dei suoi migliori figli, si deve vergognare fintantoché non emergerà la verità. Quello che è stato fatto nei confronti di Paolo Borsellino, prima nei famosi 57 giorni successivi alla strage di Capaci e poi con le indagini e i processi su via D’Amelio, può essere comparato soltanto ai grandi misteri e depistaggi che ancora avvolgono le stragi neofasciste». Lo dichiara Angelo Piraino, consigliere della Corte d’appello di Palermo e segretario nazionale di Magistratura indipendente, nipote del giudice ucciso nella strage di via D’Amelio del 19 luglio 1992.
 
Piraino ne parla con Costantino Visconti, direttore del dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Palermo ed editorialista del Giornale di Sicilia, in una conversazione pubblicata dal Giornale di Sicilia.
 
 
 
 
 
 

© 2009 - 2022 Associazione Magistratura Indipendente
C.F.: 97076130588
Via Milazzo, 22 - CAP 00165 - Roma, Italia
segreteria@magistraturaindipendente.it

 
 

Magistratura Indipendente utilizza cookies tecnici e di profilazione. Alcuni cookies essenziali potrebbero già essere attivi. Leggi come poter gestire i ns. cookies: Privacy Policy.
Clicca il pulsante per accettare i ns. cookies. Continuando la navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies essenziali.